mercoledì 5 novembre 2008

Un terrorista.

Maurizio Gasparri è un terrorista. Un attentatore, direi. Perchè? Perchè attenta all'umana intelligenza, con la complicità di chi gli piazza un microfono davanti alla bocca. Si dice: "La madre degli imbecilli è sempre incinta". Lui è senza dubbio il suo figlio prediletto.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

11 commenti:

Pietro ha detto...

questa foto è inqietante, se l'avessero messa in tutti i seggi italiani, non avrebbero vinto

Matthew ha detto...

Azz, aprire il blog e vedere l'espressione più idiota del mondo non è proprio il massimo...!

Ale ha detto...

già...certe cose però ci vogliono :D

ladyoscar ha detto...

posso tirargli le freccette? :-)

BC. Bruno Carioli ha detto...

Geneticamente così Gasparri è irrecuperabile.

Matthew ha detto...

Mi reputo una persona tranquilla; sì, mi innervosisco molto facilmente, me la prendo per cose di poco conto ma non ho mai messo le mani addosso a nessuno. Con Gasparri lo farei: rinchiusi in una stanza vuota. Chi sopravvive, esce. Un'idiozia talmente arrogante non riesco a tollerarla.

Blogger ha detto...

Gasparri, poverino, mi fa quasi pena.
Silvio no, solo rabbia, ma Gasparri ti giuro che lo compatisco.
Ciao, Blogger.
a presto sul mio o tuo spazio.

XPX ha detto...

Povero Maurizio ...

icynose ha detto...

Intendo oppormi per senso di solidarietà con la classe terroristica. E' certamente una categoria dannosa, ma anche se violenta, è generalmente spinta da un ideale. Gasparri è sicuramente un uomo alimentato da pulsioni violente della peggior specie, causate dalla frustrazione, però non ho dubbi, non è spinto da ideali, semmai ne è respinto e questo è causa della sua frustrazione. La consapevolezza di non avere nessun valore politico, di essere dov'è solo per decisioni prese certamente da altri, ai quali è tenuto a sottomettersi quotidianamente, lo gonfia di livore e di fame di protagonismo, facendolo sproloquiare e alzare la voce come una triste checca ubriaca. (Non me ne vogliano le tristi checche)

Matthew ha detto...

L'analisi di Icy è, come al solito, pertinente. Gasparri da un'angolazione differente, che poi è la sua: un omuncolo. I terroristi son forse coloro che amplificano i suoi sproloqui isterici...?

icynose ha detto...

Grazie, pertinente non me lo aveva detto nessuno. Terrorismo è fare strategia basandola sul terrore delle masse. Quindi, dall'alto verso il basso: integralismi religiosi, lobbies, fondazioni-pro-israele, Bush... hai voglia prima di arrivare a Berlusca. Non siamo neppure considerabilmente importanti come vittime del terrorismo. Siamo semplicemente immersi in un mare piuttosto denso. Ed ecco che abbiamo individuato Gasparri (o meglio, la sua densità) ;>